IV Concorso “ENOtecnico valorizzazione VINI territorio” Fondazione Edmund Mach

Lo scorso 11 giugno si sono svolte le premiazioni delle cantine vincitrici del IV Concorso “ENOtecnico valorizzazione VINI del territorio”.

Il Concorso, ormai giunto alla sua 4^ edizione, si è svolto il 13 e 14 maggio nella sede della Fondazione Edmund Mach (FEM).

Autorizzato dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, il Premio rientra tra le più importanti ed esclusive iniziative dedicate alla promozione del settore vitivinicolo.

E’ stato promosso e organizzato dal Centro Istruzione e Formazione FEM con il patrocinio dei Comuni della Piana Rotaliana: San Michele all’Adige, Mezzolombardo e Mezzocorona; conta sulla collaborazione delle due sezioni Assoenologi Trentino ed Alto Adige e del Consorzio turistico Piana Rotaliana Kőnigsberg.

Il Concorso enologico si è proposto come opportunità per valorizzare e promuovere la qualità dei vini del territorio del Trentino – Alto Adige/Südtirol, per contribuire alla valorizzazione delle eccellenze locali, per far conoscere le unicità delle produzioni enologiche.

Sono stati messi a confronto i vini delle più importanti denominazioni della regione, sia da vitigni autoctoni che da interpretazioni territoriali di vini internazionali.

Due i giorni di degustazioni, 138 le etichette in gara e oltre 70 le cantine provenienti da tutta la regione.

Cinque le tipologie di vino, specificatamente con indicazione del vitigno Teroldego Rotaliano, Traminer aromatico o Gewurtztraminer, Merlot, Nosiola, Syylvaner.

Nove le categorie premiate e un premio assegnato dagli studenti, per un totale di 28 riconoscimenti.

I vini sono stati valutati da 3 Commissioni, come previsto dal regolamento del concorso, per un totale di 30 esperti tra tecnici degustatori, enologi, sommelier e giornalisti del settore enogastronomico provenienti da varie zone d’Italia.

Inoltre gli studenti del corso enotecnico hanno avuto l’opportunità di supportare le valutazioni e approfondire la conoscenza dei vini prodotti nel territorio Trentino – Alto Adige/Südtirol.

I campioni di vino resi anonimi sono stati valutati utilizzando la scheda organolettica dell’Union International des Oenologues‘.

Dopo una attenta selezione, è risultato vincitore il vino con il punteggio medio aritmetico più alto per ogni categoria.

PREMIATI 4° CONCORSO VINI TERRITORIO


Eccovi le prime tre posizioni per cateogria che sono state premiate:

1^categoria: Trentino DOP Nosiola e Vigneti delle Dolomiti IGP Nosiola
1. Vigneti delle Dolomiti IGP Nosiola 2016
Nome del vino: L’Ora
Produttore: Cantina Toblino
2. Trentino Nosiola DOP 2019
Nome del vino e Produttore: Maso Poli
3. Vigneti delle Dolomiti IGP Nosiola 2020
Nome del vino: Madonna delle Vittorie

2 ^ categoria:Südtirol-Alto Adige DOP Sylvaner
1. Südtirol Eisacktaler-Alto Adige Valle Isarco DOP Sylvaner 2019
Nome del vino: Praepositus
Produttore: Abbazia di Novacella
2. Südtirol Eisacktaler-Alto Adige Valle Isarco DOP Sylvaner 2019
Nome del vino e Produttore: Griesserhof
3. Südtirol Eisacktaler-Alto Adige Valle Isarco DOP Sylvaner 2020
Nome del vino e Produttore: Kellerei Bozen-Cantina Produttori Bolzano
3. Südtirol Eisacktaler-Alto Adige Valle Isarco DOP Sylvaner 2019
Nome del vino e Produttore: Kuenhof

3^ categoria:Trentino DOP Traminer Aromatico 2019-2020
1. Trentino DOP Traminer Aromatico 2019
Nome del vino: Clinga
Produttore: Cantina di LaVis e Valle di Cembra
2. Trentino DOP Traminer Aromatico 2019
Nome del vino: Bottega Vinai
Produttore: Cavit
3. Trentino DOP Traminer Aromatico 2019
Nome del vino e Produttore: Gaierhof

4^ categoria: Trentino DOP Traminer Aromatico 2018 e annate precedenti
1. Trentino DOP Traminer Aromatico 2018
Nome del vino e Produttore: Klinger
2. Trentino DOP Traminer Aromatico 2017
Nome del vino: Clinga
Produttore: Cantina di LaVis e Valle di Cembra
3. Trentino Superiore DOP Traminer Aromatico 2018
Nome del vino: Musivum
Produttore: Nosio

5 ^ categoria: Südtirol-Alto Adige DOP Gewürztraminer 2019-2020
1. Südtirol-Alto Adige DOP Gewürztraminer 2019
Nome del vino: Nussbaumer
Produttore: Kellerei Tramin-Cantina Termeno
2. Südtirol-Alto Adige DOP Gewürztraminer 2019
Nome del vino: Vigna Windegg
Produttore: Josef Brigl
3. Südtirol-Alto Adige DOP Gewürztraminer 2020
Nome del vino: Kleinstein
Produttore: Kellerei Bozen-Cantina Produttori Bolzano

6^ categoria: Südtirol-Alto Adige DOP Gewürztraminer 2018 e annate precedenti
1. Südtirol-Alto Adige DOP Gewürztraminer 2016
Nome del vino: Brenntal
Produttore: Kellerei Kurtatsch-Cantina Produttori Cortaccia
2. Südtirol-Alto Adige DOP Gewürztraminer 2018
Nome del vino: Kleinstein
Produttore: Kellerei Bozen-Cantina Produttori Bolzano
3. Südtirol-Alto Adige DOP Gewürztraminer 2018
Nome del vino : Sanct Valentin
Produttore: Kellerei St.Michael-Eppan-Cantina Produttori San Michele Appiano

7 ^ categoria: Trentino DOP Merlot
1. Trentino DOP Merlot 2019
Nome del vino: Castel Firmian
Produttore: Nosio
2. Trentino DOP Merlot Riserva 2016
Nome del vino e Produttore: Cantina Aldeno
3. Trentino DOP Merlot 2018
Nome del vino, Produttore: Vivallis

8^ categoria: Südtirol-Alto Adige DOP Merlot
1. Südtirol-Alto Adige DOP Merlot Riserva 2016
Nome del vino: Brenntal
Produttore: Kellerei Kurtatsch-Cantina Produttori Cortaccia
2. Südtirol-Alto Adige DOP Merlot Riserva 2017
Nome del vino: Gant Kellerei Andrian
3. Südtirol-Alto Adige DOP Merlot Riserva 2017
Nome del vino, Produttore: Landesweingut Laimburg-Cantina Laimburg

9 ^ categoria: Teroldego Rotaliano DOP 2017-20181. Teroldego Rotaliano DOP 2018
Nome del vino: Teroldego
Produttore: Azienda Agricola Fedrizzi Cipriano
2. Teroldego Rotaliano DOP Superiore Riserva 2017
Nome del vino: Maso Cervara
Produttore: Cavit
3. Teroldego Rotaliano DOP 2017
Nome del vino: Clesurae
Produttore: Cantina Rotaliana di Mezzolombardo

Premio Studenti Corso Enotecnico
Teroldego Rotaliano DOP Superiore Riserva 2017
Nome del vino: Maso Cervara
Produttore: Cavit

Un onore, una nuova occasione di confronto l’aver partecipato in qualità di sommelier a questo importante Concorso enologico nazionale.

Una grande opportunità di incontro con le altre professionalità chiamate a fare parte delle commissioni di assaggio e valutazione.

Ho avuto l’occasione di approfondire la conoscenza di alcune cantine del territorio, attraverso le storie raccontate dai produttori, nelle giornate a tema organizzate dal Consorzio Turistico della Piana Rotaliana.

In particolare nella serata del 12 maggio c’è stato l’incontro di benvenuto al Museo degli usi e dei costumi di S. Michele all’Adige in cui alcuni produttori hanno raccontato le loro realtà aziendali e assieme a loro si sono degustati alcuni vini tipici del territorio.

Il 13 maggio abbiamo brindato con una degustazione guidata di vini e formaggi, all’interno del Convento dell’Immacolata dei frati francescani di Mezzolombardo con al termine una cena conviviale incantevole.

Mi porto a casa da questa esperienza senz’altro i vitigni del territorio, il ‘succo’ della terra che li nutre e che raccoglie la vita di questi meravigliosi luoghi.

I vitigni autoctoni trentini sono stata una piacevole scoperta!

Il Nosiola, questa bacca da cui nasce un vino di colore giallo paglierino con sfumature verdoline e particolarmente brillante.
I profumi sono eleganti con un sottofondo ammandorlato che richiama la nocciola fresca (da cui deriva il nome “nosiola”).
Un vitigno poliedrico. Fresco e profumato in acciaio, ma capace di risultati notevoli in recipienti di legno nelle essenze più particolari, come fusti di acacia, ma anche barrique usate e persino macerato in anfora.
È il vitigno impiegato anche nella produzione del Vino Santo Trentino facendo appassire uva Nosiola su graticci di canne.
Coltivato particolarmente nella zona di Toblino e della Valle dei Laghi, dove si ritiene sia autoctono, coltivato su terrazzi chiamati “frate‘”, e di Lavis, in provincia di Trento.

L’altro autoctono trentino per eccellenza è poi il Teroldego (“Oro del Tirolo”) che abbiamo festeggiato per i suoi 50 anni della Denominazione di Origine.
In perfetta forma nella sua veste rosso rubino, spesso tendente al mattone.
Dall’odore caratteristico, gradevolmente fruttato e particolarmente intenso.
Dal sapore asciutto, sapido, leggermente amarognolo.
La sua tipica zona di produzione del vino Teroldego Rotaliano comprende la porzione del Campo Rotaliano, ricadente nei comuni di Mezzolombardo, Mezzocorona e nella frazione di Grumo del comune di San Michele all’Adige.

Un sentito ringraziamento al direttore generale Mario Del Grosso Destreri, al dirigente del Centro Istruzione e Formazione, Ivano Artuso e al responsabile del Dipartimento istruzione post secondaria, Andrea Panichi, nonchè referente organizzativo del concorso.


Altre informazioni sulla Fondazione sono disponibili online sul sito www.fmch.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...